conciliazioni.png

La Conciliazione Paritetica o ADR (Alternative Dispute Resolution) è un metodo di risoluzione stragiudiziale delle controversie, che consente alle parti – utente e azienda, tramite i propri rappresentanti – di confrontarsi al fine di trovare una soluzione condivisa e realmente soddisfacente per entrambe, in tempi rapidi ed in maniera economica, evitando il ricorso in giudizio.

Chi può richiedere la conciliazione?
Tutti i clienti delle Aziende fornitrici di beni e servizi che hanno aderito ai protocolli (vedi Lista)

Quando si può ricorrere alla conciliazione?
Si può attivare solo dopo l’invio del reclamo scritto se si considera insoddisfacente la risposta scritta ricevuta, oppure non si è ricevuta alcuna risposta scritta entro 40/60 giorni solari dall’invio del reclamo, a seconda dell’a Società interessata.

Quali servizi sono interessati dalla Conciliazione? 

 

 

Cosa prevede la procedura di Conciliazione?
La procedura di conciliazione è regolata da un Protocollo d’Intesa tra Associazione dei Consumatori e Azienda, e da un Regolamento di Conciliazione che fissa le modalità di svolgimento della procedura in tutte le sue fasi. 

Una Commissione di Conciliazione, composta da un rappresentante per parte, espleta la procedura conciliativa. Per questa procedura è previsto un elenco dei Conciliatori, istruiti tramite appositi corsi di formazione.

Le Società con le quali è attiva la procedura ADR

Come si attiva la procedura?

Si attiva a seguito della preventiva presentazione di un reclamo alla Società fornitrice del bene o del servizio, che può avvenire o autonomamente da parte dell’utente o tramite l’Associazione dei Consumatori. Se al reclamo non viene data risposta entro un dato termine o la risposta non è considerata soddisfacente si può presentare una domanda di conciliazione all’Associazione dei Consumatori, la quale, verifica le condizioni di ammissibilità della richiesta e l’esistenza dei presupposti per darvi seguito e istruisce la pratica.

L’esito del tentativo di conciliazione produce un Verbale di conciliazione o di mancato accordo.

Se il tentativo di conciliazione ha esito positivo, la Commissione di Conciliazione sottoscrive il verbale di conciliazione, avente efficacia di accordo transattivo ex art. 1965 c.c. Nel caso in cui il tentativo di conciliazione fallisca, viene invece redatto un verbale di mancato accordo.

Costi

La procedura di conciliazione paritetica è gratuita, e non comporta oneri, fatta salva l’eventuale iscrizione all’Associazione dei Consumatori cui si conferisce mandato.

 

 

 

 

 

FEDERCONSUMATORI LAZIO
Indirizzo: Via Antonio Gallonio 23 00161 ROMA

Tel: 06.44340366/80
Fax: 06.44340709

Dal Lunedi al Venerdi
09.00-13.00/14.00-18.00

 logo 3023

m2.jpg

m3.jpg